Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

Il tendine d'Achille è il più grande tendine del corpo umano ed è uno dei tendini più comunemente lesionati nello sport. 
E 'il tendine responsabile della flessione plantare del piede, che è il modo con cui gli atleti sono in grado di sollevarsi nel salto e nella corsa. Gli atleti che praticano la corsa hanno una elevata incidenza di lesioni del tendine di Achille . 
Circa il 75 per cento del totale e la maggior parte delle rotture parziali dei tendini  sono relative alle attività sportive che comportano bruschi salti e sprint ripetuti. La chirurgia è presumibilmente necessaria in circa il 25 per cento degli atleti con lesioni da overuso del  tendine d'Achille , e la frequenza degli aumenti della chirurgia aumenta  con l'età del paziente e la durata dei sintomi, come per  cambiamenti tendinopatici. 
Tra i soggetti che vengono operati, il 20 per cento necessita di un reintervento. Queste sono le tristi statistiche per chi  conosce la patologia cronica del tendine di  Achille. La condizione inizia come una tendinite  di Achille, perché i tendine sta  cercando di rafforzarsi. Ma spesso, a causa di FANS e di infiltrazioni  di cortisone, il processo infiammatorio viene interrotto. Il tendine inizia  successivamente a mostrare segni di danno cellulare e  degenerazione del collagene. Questa è chiamata tendinosi. 
Patologie  tendinee come queste possono essere stimolate a ripararsi con la proloterapia. La proloterapia può stimolare la crescita del tessuto del tendine di Achille per renderlo più forte. Le iniezioni di steroide non solo non aiutano il problema, probabilmente ne sono la causa.Le infiltrazioni di steroide con cortisone sono ritenute  una causa importante di rottura del tendine d'Achille.
 
SPINA CALCANEARE

Molti pazienti con dolore ai  piedi vengono nei nostri ambulatori  dicendo che gli è stata diagnosticata una "spina calcaneare".  Altri pazienti riferiscono una diagnosi di "fascite plantare." Soffrono di ansia  giorno e notte perché hanno uno "sperone calcaneare" o una  "fascite plantare". 
Questa diagnosi è il risultato di una radiografia che ha rivelato qualche osso supplementare dove la fascia plantare si inserisce sul calcagno. Quest’ osso extra è chiamato "sperone". Poiché coinvolge il tallone, è ingegnosamente chiamato  "sperone calcaneare". Si trova dove la fascia plantare si inserisce sul tallone, quindi fascite plantare. 
Trattamenti come un infiltrazione di cortisone o, peggio ancora, un intervento chirurgico per rimuovere lo sperone, hanno prodotto molte vittime. Questi trattamenti non correggono il difetto di fondo. La fascia plantare supporta le ossa navicolare, astragalo, e cuneiforme mediale. Quando la fascia plantare deve anche cercare di sostenere l'arco, la pressione in eccesso viene esercitata sul  calcagno. 
La reiterata pressione porta  progressivamentre alla formazione di una escrescenza ossea  nota come” sperone calcaneare”.Il cortisone può temporaneamente alleviare il dolore in alcuni casi, ma alla lunga sarà sempre causa di indebolimento. La proloterapia sulla giunzione fibro-ossea della fascia plantare provoca un rafforzamento permanente di tale struttura. Una volta che si ottiene un rinforzo della fascia plantare , il dolore cronico del tallone sara eliminato. Ma che dire della sperone calcaneare? Lo sperone calcaneare è solo un reperto radiografico. Molte persone hanno uno sperone calcaneare, senza alcun dolore.
La Proloterapia non rimuoverà lo sperone calcaneare, ma  eliminerà il dolore cronico, eliminando la causa. La Proloterapia è una procedura molto sicura se viene usato il protocollo standard e le soluzioni corrette,  gravi effetti collaterali sono possibili se questo non viene seguito.
Una volta alleviata la patologia dolorosa sarà importante controllare la postura del soggetto e il suo appoggio podale; se questo risulta errato è importante procedere ad una riprogrammazione Posturale Globale che comporta anche  una correzione podale mediante soletta propriocettiva.

Tendine d'Achille