Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

 


La chirurgia spinale non solo può mancare lo scopo di  alleviare il dolore ma in effetti potrebbe causare anche  più dolore. Il più delle volte l'intervento stesso è causa di ulteriori complicazioni con problemi superiori a quelli di partenza. Ad esempio in una discectomia (rimozione del disco), il chirurgo deve distendere i muscoli e tagliare i vari legamenti per eseguire l'intervento.L'intervento chirurgico  può potenzialmente portare a lassità legamentosa e instabilità della colonna vertebrale. L’ulteriore rimozione di un disco o una fusione a un livello può portare in futuro  a ernia del disco allo stesso livello o a livelli diversi. E’ molto comune per un Fisiatra  vedere un paziente con "un livello fisso", mentre un altro segmento della colonna vertebrale diviene instabile, degenerato e causa di  dolore. Un altro modo per cui la  chirurgia discale  provoca danni è che in una discectomia, una grande porzione del disco rimane in sede. Questa è la parte che causerà grande rischio per il paziente. Il disco rimanente che può rappresentare fino al 40% del disco originale  può anche ri-erniare. 
La chirurgia spinale è molto radicale,  danneggia molto tessuto non necessariamente  associato alla zona dolorosa. Quindi cosa fare  se ​​c'è dolore dopo un intervento chirurgico? Quali sono le opzioni? Chirurgia?


"La recidiva  di dolore di schiena o alle gambe dopo discectomia è un problema ben noto, con un'incidenza fino al 28%. Una volta che le  misure conservative hanno fallito, sono disponibili diverse opzioni chirurgiche e sono state provate con vari gradi di successo. Il dibattito attorno a quale procedura sia  la più efficace per questi pazienti rimane controverso. I nostri risultati mostrano che la meno invasiva è la fusione intersomatica posteriore lombare(LI-PLIF) che è efficace come qualsiasi altra procedura chirurgica.Tuttavia, dato che è meno invasiva, riteniamo che debba essere considerato come l'opzione preferita. "1 

Si noti che lo studio di cui sopra cita tasso del 28% del dolore post-chirurgico. I ricercatori fanno notare, inoltre, che esiste controversia sul  miglior intervento di revisione per il dolore dopo un intervento chirurgico. La loro conclusione è che i chirurghi possono anche scegliere la chirurgia meno invasiva in quanto non c'è nessun intervento chirurgico di revisione che sia migliore rispetto agli altri. Come accennato in precedenza, l'intervento chirurgico di qualsiasi tipo può causare danni ai tessuti molli e la chirurgia di revisione non è probabilmente la migliore risposta. 

Stimolatori spinali?


"La stimolazione del midollo spinale è diventata un metodo  diffuso ed efficace alternativo per la gestione del dolore cronico refrattario che non risponde alle terapie conservative. I miglioramenti tecnologici sono stati considerevoli e i  dispositivi di neuromodulazione attuali sono  estremamente sofisticati e affidabili per ottenere buoni risultati in diverse situazioni cliniche di dolore cronico, come ad esempio la sindrome da fallimento chirurgico, la sindrome dolorosa regionale complessa, malattia ischemica coronarica. Questa tecnica rischia di avere un risparmio di costi rispetto alle strategie terapeutiche alternative, nonostante il suo alto costo iniziale. La stimolazione del midollo spinale continua ad essere un valido strumento per il trattamento del dolore cronico invalidante. "2 

Quando la chirurgia non riesce, quando i narcotici falliscono, si passa alla tecnologia elettrica. Lo stimolatore del midollo spinale fornisce  una piccola corrente elettrica al midollo spinale della persona in modo che  gli stimoli dolorosi  diminuiscano. Nella maggior parte dei pazienti che vediamo, lo stimolatore del midollo spinale non sostituisce la necessità di farmaci stupefacenti. Inoltre, un dispositivo estraneo  inserito nel corpo, non  è quasi mai l'opzione migliore. 

Mente sul corpo

" La riduzione dello stress basato sul Mindfulness-(MBSR) è spesso utilizzato per condizioni di dolore. Mentre sono state condotte  revisioni sistematiche su MBSR per il dolore cronico, non ci sono ancora recensioni per  condizioni di dolore specifico. Pertanto è stata effettuata una revisione sistematica dell'efficacia della MBSR in lombalgia. Questa recensione ha trovato prove non conclusive dell’ efficacia della MBSR nel ridurre l'intensità del dolore e la disabilità nei pazienti con lombalgia cronica. Tuttavia, vi sono prove limitate che MBSR possa migliorare l’accettazione del  dolore. "3 
In altre parole, vivete con il dolore. La  forza della mente può aiutare, ma la realtà è che se c’è una causa di fondo del dolore  deve essere affrontata. Quindi quali sono le altre opzioni per il mal di schiena dopo l'intervento chirurgico?


Proloterapia globale per la chirurgia del disco non riuscita: obiettivi realistici 
La Proloterapia globale  è un trattamento volto a rafforzare i tessuti molli indeboliti nella colonna vertebrale e portare stabilità alla zona attraverso iniezioni e non attraverso la   chirurgia. Più stabilità, meno movimento innaturale, meno dolore. Si consiglia una consultazione per chi è trattamento con  stupefacenti e  con stimolatori del midollo spinale. Nel caso di stimolatori spinali, chiediamo ai pazienti di portare i loro raggi X che mostrano esattamente dove è posizionato lo stimolatore del midollo spinale.Quando siamo in grado di vedere dove sono  gli elettrodi dello stimolatore si  possiamo tranquillamente fare la  proloterapia. 
La proloterapia aggredisce  i problemi della una colonna vertebrale danneggiata, invece di sopprimere i sintomi. Offre una soluzione quando tutto il resto fallisce. La  proloterapia è un'alternativa alla chirurgia del disco, ma può anche aiutare quando la chirurgia del disco è già avvenuta ed ha  fallito.

 

 

1 Lakkol S, Bhatia C, Taranu R, R Pollock, Hadgaonkar S, Krishna M. Efficacia della chirurgia meno invasiva  posteriore lombare intersomatica come la chirurgia di revisione per i pazienti con sintomi ricorrenti dopo discectomia. J Bone Joint Surg Br. 2011 Nov; 93 (11): 1518-1523. 
2 Jeon YH. Stimolazione del midollo spinale nella gestione del dolore: una revisione. Coreano J Pain. 2012 Jul; 25 (3): 143-50. Epub 2012 28 giu. 

3 Cramer H, H Haller, Lauche R, riduzione dello stress basato Mindfulness Dobos G. per la lombalgia. Una revisione sistematica.BMC Complemento Altern Med. 2012 Sep 25; 12 (1): 162. 

Quali sono le prospettive dopo il fallimento della chirurgia discale?