Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

PRINCIPIO SCIENTIFICO

ogni stimolazione troppo intensa e/o troppo prolungata in un soggetto stressato può influenzare tutto l'organismo.

 

OSSERVAZIONI

I denti non sono mai in contatto, se non al momento della masticazione e della deglutizione, più raramente durante la fonazione, così, quando si toccano, non inviano obbligatoriamente un messaggio doloroso, bensì, più spesso, di tipo tattile (non doloroso):

più i denti sono sollecitati e più intenso è il messaggio

Tutti questi messaggi arrivano ai centri nervosi superiori (cervello) attraverso il nervo Trigemino destro e sinistro. Purtroppo: involontariamente alcune persone ansiose, introverse o frustrate, "contraggono le mascelle a denti serrati" al di fuori dei normali contesti prima menzionati e quindi si parla di parafunzione.

Se si verificano condizioni di stress intenso o prolungato, possono manifestarsi dolori e problemi sconcertanti per gli operatori ed invalidanti per queste persone.

I denti sono concepiti come pezzi d'osso "che fanno male" ed inseriti nell'osso, da parte del 95% della popolazione, questo schema può sembrare un pò riduttivo rispetto alla realtà, tant’è vero che i medici dello sport ammettono la possibilità di una tendinite del tendine d'Achille d’origine dentaria.

Dato il principio scientifico indiscutibile prima enunciato, nel XXI secolo lo scetticismo e la mancanza di informazione, non sono più opportuni.

Partendo dai dati neurofisiologici, questo articolo intende aiutare il lettore ad aggiornare le sue conoscenze sul ruolo dei denti, dei muscoli masticatori e delle articolazioni dei mascellari in seno alla sfera orale. Le conseguenze possono realizzarsi in termini di dolori vaghi e di problemi inattesi.

Quando un soggetto "contrae fortemente e frequentemente i mascellari, ", si dovrà riconsiderare una diagnosi, forse frettolosa, di fibromialgia o di sindrome da affaticamento cronico o di cefalea o di cervicalgia o di lombalgia, così come di altre stravaganti sintomatologie.

DR.ALFREDO GIOVENE

MEDICO CHIRURGO SPECIALISTA IN ODONTOSTOMATOLOGIA

E se dipendesse dai denti... soprattutto quando vengono serrati fortemente?