Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

La Fisioterapia nel trattamento conservativo nella Spondilolistesi di 1° e 2° grado

La spondilolistesi è una patologia della colonna vertebrale caratterizzata dalla traslazione di un corpo vertebrale rispetto a quello sottostante. Può colpire qualsiasi tratto della colonna vertebrale ma, di fatto, il più interessato è quello lombare.

Nella maggior parte dei casi lo scivolamento si verifica in senso postero-anteriore, in tal caso si parla di anterolistesi, laddove la traslazione vertebrale avviene in direzione opposta si parla di retrolistesi.

Solitamente la severità della spondilolistesi è proporzionale alla percentuale di scivolamento di una vertebra sull’altra, in quella di primo e secondo grado la traslazione non supera il 50% e l’instabilità che ne deriva è per lo più contenuta.

Il trattamento conservativo della spondilolistesi di 1° e 2° grado è finalizzato al contenimento della sintomatologia ed al rinforzo della muscolatura di stabilizzazione del tronco. In questi casi il percorso fisiokinesiterapico prevede :

  • tecniche di terapia manuale volte alla riduzione delle tensioni miofasciali localizzate nella regione interessata;

  • tecniche di neurodinamica;

  • training degli stabilizzatori segmentali con attivazione dei muscoli addominali profondi ( trasverso , obliqui ), multifidi lombari e della muscolatura perineale ( segue descrizione di alcuni esercizi );

  • educazione ergonomica ;

ESERCIZIO DI ATTIVAZIONE PERINEALE E ADDOMINALE

ESERCIZIO DI STIMOLAZIONE DEI MULTIFIDI LOMBARI

Paziente supino con ginocchia flesse ( variante : paziente seduto sugli ischi ).

E’ richiesta una contrazione di bassa intensità della muscolatura del pavimento pelvico in fase espiratoria, seguita dall’attivazione del muscolo trasverso dell’addome. Mantenere la co-contrazione per un tempo che varia dai 3 ai 10 secondi, respirando normalmente. E’ indispensabile evitare basculamenti del bacino.

Paziente seduto sugli ischi . Evitare basculamenti del bacino.

E’ richiesta una contrazione della muscolatura del pavimento pelvico e del muscolo trasverso dell’addome, come descritto nell’esercizio precedente. Mantenere la co-contrazione per un tempo che varia dai 3 ai 10 secondi, respirando normalmente, nel contempo flettere lentamente un braccio fino a raggiungere un angolo di 90° con la spalla. Questo movimento permette di reclutare il muscolo multifido lombare.