Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

Tendinite, una diagnosi comune, l'infiammazione("ite") di un tendine. Essa è definita nel Dizionario Medico Mosby, 14 edizione, come "uno stato infiammatorio di un tendine, di solito risultante da sforzo." Un tendine è la parte terminale di un muscolo nella zona dove si attacca sull’osso dell’articolazione, che consente il movimento. 
Una persona può avere una tendinite in ogni parte del corpo.zAlcune aree comuni di tendinite sono il gomito (gomito del tennista, gomito del golfista), la spalla (cuffia dei rotatori, bicipite) e della caviglia (tendine di Achille). Tuttavia, qualsiasi  tendine ha il potenziale per diventare infiammato e irritato, soprattutto in sport dove ci può essere iperuso . 
In molti casi, in una persona sana, non stressata, non fumatrice, la sede di inserzione, la meno vascolarizzata, di solito guarisce in 4-6 settimane, a seconda della gravità. Tuttavia,in certi casi, i tendini non guariscono causando un dolore cronico e di lunga durata.
Di solito questa condizione è definita tendinite cronica.  Negli ultimi anni, la parola "tendinosi"( "Osi" significa malattia o condizione anomala) è usata nella letteratura medica per descrivere tendiniti croniche e alcuni autori ritengono che sia più comune della tendinite cronica e può essere cosiderata una diagnosi più accurata. In questo tipo di irritazione del tendine, l'infiammazione non è  presente da molto tempo e il problema principale è la degenerazione del collagene. Per questo, il trattamento deve avere come obiettivo la stimolazione della produzione di collagene piuttosto che l'eliminazione dell’ infiammazione, che può anche non essere presente((Khan, etal., "Overuse Tendonosis, Not Tendonitis", The Physician and Sportsmedicine, 2000; 28(5))..
Qual è la causa della tendinite o tendinosi? Forse ricorderete che il muscolo ha un colore rossastro, mentre la parte tendinea che si attacca all'osso ha un colore biancastro ed è fatta di un materiale più fibroso. Questo perché i muscoli hanno un buon apporto di sangue, mentre i tendini non lo hanno. Quando un tendine viene tirato o distratto oltre il suo normale range di movimento,anche intenzionalmente tramite esercizio fisico o non intenzionalmente, a causa di un incidente o di un trauma, il  tendine  si distende. Tuttavia  se stirato troppo  non ritornerà alla sua situazione iniziale.
In molti casi si formeranno miscro cicatrici conseguenza dell’eccessivo stiramento o trazione. Il tendine ha bisogno di guarire e per fare ciò è necessario che arrivi il sangue per ricostruire il tessuto lesionato.Come fa il corpo a portare sangue nel tendine lesionato?. L'infiammazione consta di diverse fasi  che iniziano con edema  e si concludono  con lo sviluppo di nuove cellule nella zona danneggiata. 
In  principio  l'area si gonfia  molto,  nello stesso modo di come accade in  una distorsione della caviglia; la caviglia si gonfia per portare  sangue per iniziare il processo di guarigione. Questo processo di guarigione può richiedere diverse settimane, ma dopo il ciclo di guarigione di 4,6 o anche 12 settimane, se il corpo non ha rigenerato quell’area , la stimolazione alla guarigione è drasticamente diminuita o finita. 
Questo perché il corpo risponde a uno stimolo-risposta base. Per esempio, se vi tagliate oggi, il vostro corpo inizia il processo di guarigione per guarire immediatamente. Tuttavia, dopo un periodo di tempo, lo stimolo alla guarigione si esaurisce e c’è un grado inferiore di infiammazione  non sufficiente per guarire l’area. 
Questo è ciò che accade con la tendinite che si è mantenuta  troppo a lungo senza guarigione. Lo stimolo naturale del corpo alla guarigione non c'è più e c'è solo basso grado di infiammazione, ma non sufficiente per curare efficacemente la  zona. Ora nel caso di tendinosi, non c’è  infiammazione e la degradazione del collagene avviene più velocemente di quanto ne venga  ricostruito. 
E allora? A volte la terapia fisica può contribuire a rafforzare i muscoli  attorno all’articolazione. Però fintanto che l’apporto di sangue nel tendine è così scarso l’esercizio, come rimedio terapeutico può contribuire indirettamente a dare stabilità all’articolazione.
I farmaci anti-infiammatori lavorano diminuendo l'infiammazione, così il flusso di sangue  si riduce nella zona danneggiata.Così questo tipo di medicamento rallenta naturalmente il processo naturale di guarigione. .E nel caso di tendinosi, dove non vi è alcuna infiammazione, studi forniscono prove che i FANS (farmaci anti-infiammatori non-steroidei ) e i corticosteroidi sono poco  utili (Almekinders and Temple ", eziologia, diagnosi e trattamento di tendinosi: un'analisi della letteratura "Medicine. & Science in Sports and Exercise 1998, 30 (8)). 
Che cosa si può fare?La Proloterapia (abbreviazione di "proliferazione terapia") è un trattamento che stimola la proliferazione (crescita, riparazione) del tendine lesionato  che non è ancora guarito. E 'un trattamento naturale che irritando il tendine, stimola un ciclo di riparazione, anche se l'infortunio data anni. Lo fa stimolando il corpo mandando  sangue e cellule di riparazione nelle aree lesionate. Il  tasso di successo della proloterapia è alto ed è una procedura fatta in ambulatorio sicura. In media, una persona ha bisogno tra quattro e sei trattamenti di proloterapia intervallati tra due a sei settimane. Alcune persone hanno bisogno di meno sedute, altre  persone di più. Può essere fatto a qualsiasi età purché la persona sia generalmente sana. 

( Articolo di Donna Aldermann MO ) 

La Proloterapia per la Tendinite Cronica