Studio Medico Bassani | Viale Luigi Majno 15 - 20122 Milano (MI) | Tel. 0276021267 - Fax 0276408037 |

E-mail: studiomedicobassani@gmail.com/info@studiomedicobassani.it | P.I./C.F: 04796180158 | © studiomedicobassani.it
Ordine Medici e Odontoiatri codice n° 29408, 29/01/1980 Milano | Data abilitazione 25/01/1980 Milano |

Data Laurea 20/09/1979 Milano | Medico Confederazione Svizzera

Website developed by

50.01 Production & Communication

London,UK

 
Nella terapia del dolore lombare, ci troviamo spesso ad affrontare il problema di pazienti che “non possono essere guariti” con i mezzi tradizionali.
Si tratta o di pazienti sofferenti per esiti di interventi sulla colonna, nevralgie croniche, degenerazioni artrosiche o scoliotiche gravi. Spesso non tollerano più i farmaci antidolorifici, oppure i loro effetti collaterali.
La depressione psichica è comune perchè talora non vedono una via di uscita dalle loro sofferenze.
Abbiamo già scritto in passato delle possibilità offerte dalle moderne tecniche di blocco del dolore alla periferia (modulando gli impulsi in arrivo al cervello,agendo sui nervi periferici o sul midollo spinale). Ora descriviamo brevemente la tecnica detta “peridurale continua”.
Consiste nel posizionare attraverso un ago particolare ed in anestesia locale, un cateterino sottilissimo nella zona dove vogliamo modulare gli impulsi dolorosi.

 

Tramite questi cateterini si può fare l'anestesia chirurgica oppure l'analgesia (riduzione solo del dolore) selettiva nelle zone che ci interessano.
Questa tecnica è altamente efficace, purchè ben eseguita e ben gestita. Infatti oltre alla corretta esecuzione dell'impianto, necessita di una (modesta) collaborazione del paziente o delle persone a lui vicine.
Voglio citare ad esempio il caso di un paziente grande anziano (83 anni) molto sofferente per gli esiti di un intervento sulla colonna eseguito 4 anni or sono. Egli e' peraltro sano, lucido, ha voglia di vivere e di muoversi, ma era pesantemente debilitato perchè soffriva quasi ininterrottamente dolori toracici e lombari. Era stato trattato per circa un anno con i più svariati farmaci antidolorifici, ma ormai non trovava più giovamento e l'aumento delle dosi gli portava sonnolenza e debolezza.
Abbiamo proposto e poi impiantato un cateterino peridurale con programma di somministrazione tre volte al di' di una miscela anestetica molto diluita. Sono 4 settimane che il paziente porta il sistema antalgico.
Ha ritrovato il sorriso, ha ripreso la fisioterapia e le sue piccole attività giornaliere (ama coltivare l'orto).


Siamo soddisfatti, perchè sappiamo di aver risposto alle richieste del paziente con un mezzo efficace e sicuro. Inoltre sappiamo per esperienza che una volta rimosso il cateterino, l'effetto perdura a lungo, poiché, credo, la memoria del dolore viene efficacemente abolita.

Neuromodulazione della lombalgia cronica “intrattabile”