top of page

MICROBIOTA E AUTISMO - COME SONO CORRELATI


Gli esperti dell'Università Bar-Ilan di Israele hanno preso parte a uno studio globale sui collegamenti tra ASD (Disturbi dello spettro autistico) e "l'asse intestino-cervello" (GBA) - la linea biochimica di comunicazione tra il tratto gastrointestinale e il sistema nervoso centrale.



Le anomalie nel microbioma intestinale, che consiste in una comunità di trilioni di batteri, virus, funghi e altre forme di vita che vivono nel nostro tratto digestivo, sono comuni alle persone con ASD. Precedenti studi hanno già stabilito che il microbioma può influenzare molti disturbi neurologici come l'autismo, che colpisce una persona su sessantotto a livello globale.

I ricercatori di Bar-Ilan fanno riferimento a studi pilota di successo che coinvolgono il trattamento del microbioma fecale, in cui le feci di un donatore piene di batteri sani (microbiota) vengono trapiantate nel colon di una persona con batteri meno sani. Questi trapianti non hanno solo portato a un miglioramento della salute gastrointestinale (un problema che è più diffuso tra le persone con ASD) ma hanno anche dimostrato miglioramenti micro biomatamentali : il modo in cui il cervello influenza le emozioni, il comportamento e l’apprendimento , compresi i comportamenti ripetitivi e sociali che sono tratti tipici dell’autismo.

“Il nostro studio presenta una svolta significativa, rivelando la profonda influenza dell’asse intestino-cervello sulla biologia dell’autismo”,

ha affermato il Prof. Evan Elliott, della Facoltà di Medicina Azrieli di Bar-Ilan. Elliott e il collega Omry Koren erano tra i coautori dello studio, che è stato pubblicato il 26 giugno su Nature Neuroscience ed è stato parzialmente finanziato da Teva Pharmaceuticals.

“La correlazione tra alterazioni del micro bioma e marcatori del sistema immunitario fornisce preziose informazioni su come il micro bioma intestinale può influenzare la salute delle persone con diagnosi di autismo”,

ha affermato Elliott.

“Inoltre, il successo del trattamento del micro bioma fecale nella rigenerazione delle specie microbiche presenti nell’intestino rappresenta una strada promettente per futuri interventi terapeutici”.


Il gruppo di ricerca afferma che le implicazioni delle sue scoperte sono di vasta portata. Il prossimo passo è identificare quelle persone con ASD che hanno maggiori probabilità di beneficiare dei trattamenti correlati al microbioma. Ciò comporterà l’identificazione di marcatori specifici di anomalie intestino-cervello. La rivista Scientific Reports del gruppo Nature, ha pubblicato i risultati di uno studio dell’Università dell’Arizona su 18 bambini autistici trattati nel 2017 che dopo il trapianto di microbiota hanno ottenuto una riduzione del 45% dei disturbi correlati all’autismo mentre quelli gastrointestinali sono scesi del 58%. E’ oramai accertato che i pazienti autistici più gravi hanno sempre pesanti squilibri del microbiota, con sintomi gastrointestinali cronici quali diarrea, costipazione e colite, e questo aggrava la loro condizione, inasprendo anche l’irritabilità, i disturbi del comportamento, la difficoltà a concentrarsi e ad apprendere. Dopo due anni di trattamento i risultati si sono rivelati particolarmente significativi, perché i piccoli pazienti classificati gravi sono passati dall’83% al 17%.

“Stiamo trovando una connessione molto forte tra i microbi che vivono nel nostro intestino e i segnali che viaggiano verso il cervello - ha detto Rosa Krajmalnik-Brown, docente al Biodesign Swette Center for Environmental Biotechnology dell’Università dell’Arizona. In molti casi, curando i problemi gastrointestinali, il comportamento dei bambini autistici migliora”.

Comments


bottom of page