top of page

IL NUOTO E IL DOLORE ALLA SPALLA

Sia che sia competitivo, sia che abbia il solo scopo di mantenere in forma, il nuoto può portare stress e tensione sulle spalle. Nuotatori senza un buon gesto atletico sono a più alto rischio di lesioni. Anche quando si utilizza la tecnica corretta, tuttavia, il dolore alla spalla rimane una delle lamentale più comuni dei nuotatori. Molti fattori determinano “la spalla del nuotatore”, tra i quali il livello di intensità di allenamento, il superlavoro, la lassità articolare e l'instabilità. Se la cuffia dei rotatori del nuotatore lancia segnali dolorosi significa che esiste una debolezza di fondo dei legamenti e dunque la Proloterapia è un'opzione terapeutica.

La debolezza dei legamenti porta a stress nella parte anteriore della spalla con conseguente squilibrio articolare e dolore a carico della cuffia dei rotatori.Il plasma ricco di piastrine (PRP) e la Proloterapia, sono trattamenti alternativi che possono dare dei buoni risultati.

La proloterapia è un trattamento infiltrativo utilizzato per stimolare la riparazione di zone dolorose o instabili del corpo. La proloterapia può essere molto efficace per eliminare il dolore a carico dei tendini della cuffia dei rotatori, del tendine del bicipite, della capsula articolare, dei legamenti gleno-omerali,del legamento coraco-omerale, e del labbro glenoideo. E 'meglio per l'atleta ricevere il trattamento prima dell’insorgenza di una instabilità multidirezionale , perché alcuni dei cambiamenti degenerativi possono essere permanenti in questa condizione.

Per il triatleta / nuotatore, è meglio la Proloterapia in fase iniziale quando è chiaro che il dolore alla spalla tende a divenire permanente. Il dolore presente in una zona per più di due mesi ha decisamente bisogno di essere valutato e trattato dal proloterapeuta, perché è probabile provenga da un legamento o tendine infortunato.

Comments


bottom of page