top of page

Intestino: tutti i modi per depurarlo e mantenerlo sano

L’intestino oltre alle funzioni di assorbimento delle sostanze nutritive e l’eliminazione di quelle di scarto, gioca un ruolo fondamentale nell’equilibrio del sistema immunitario.

Intestino
Come rendere "felice" il tuo intestino

La società moderna immerge l’uomo negli inquinanti, ormai presenti in ogni aspetto della vita: nell’aria, nell’acqua e negli alimenti. I nostri organi emuntori (ovvero adibiti all'eliminazione delle scorie) come pelle, fegato, reni, polmoni e intestino lottano quotidianamente per ottenere un equilibrio ma non sempre questo lavoro incessante può avere successo. La vita sedentaria, lo stress, l’alimentazione , la cattiva masticazione, l’assunzione di pochi liquidi portano ben presto all’insorgenza dei problemi. Anche chi afferma di avere un intestino regolare in realtà non elimina completamente i residui fecali che ristagnano nelle anse intestinali dando luogo a fenomeni putrefattivi che portano ad un auto avvelenamento e ad intossicazione. Le feci accumulate negli anni formano degli strati di diversi centimetri che possono raggiungere un peso considerevole. Quando il nostro intestino, sollecitato da un’alimentazione scorretta, affatica il nostro organismo compaiono sintomi come meteorismo, nausea , cefalea, stanchezza generale, pelle maleodorante e sudata, disturbi di concentrazione, fino ad arrivare all'ansia , angoscia e depressione. Col tempo l’intestino sempre più congestionato perde le sue normali funzioni peristaltiche accentuando sempre più i fenomeni putrefattivi e fermentativi con la formazione di sostanze che dall’intestino passano nel torrente ematico per poi riverberarsi su tutti gli organi. Da uno stile di vita scorretto si manifesta stitichezza, flatulenza, diverticoli, intestino permeabile (leaky gut syndrome), diarrea, colite ulcerosa fino al tumore del colon. Ma se la malattia non è una fatalità ma la conseguenza finale di svariati errori perpetuati nel tempo una buona prevenzione sta nella pulizia del colon.


Il clistere - anche noto come clisma o enema - è una procedura che consiste nell'immettere soluzioni liquide a livello del retto e/o del sigma attraverso l'utilizzo di appositi strumenti. L’uso quotidiano dei clisteri, afferma il farmacista Dott. Sandro Hassan, provoca una profonda disintossicazione , promuove la rigenerazione del fegato, riattiva il sistema immunitario e ripristina le difese essenziali del corpo (sistemi enzimatici, minerali e ormonali). Esistono varie metodiche terapeutiche che alla base hanno l’utilizzo del clistere, tra queste una è la metodica Gerson che prevede l’introduzione di caffè nell’intestino. I clisteri di caffè dovrebbero, secondo Gerson, dilatare i dotti biliari e favorire l’eliminazione della bile. La fase iniziale della terapia prevede fino a quattro clisteri al giorno. Un’ altra terapia che si basa sull'utilizzo del clistere è la metodica della doccia intestinale a base di sali di potassio, assenzio, malva e camomilla. Molto utile l’insufflazione rettale di ossigeno-ozono per la sua potente azione antinfiammatoria e rigenerativa. L'importante vascolarizzazione della mucosa rettale permette gli effetti sia sistemici che locali delle insufflazioni rettali . Le vene emorroidarie infatti permettono il trasporto dell'ozono nel sangue con conseguenti effetti generali.



Degna di nota è l’idrocolonterapia , afferma la Dottoressa Rosi Coerezza, medico esperto di questa metodica, che risulta molto utile per un lavaggio più esteso dell’ intestino. Questa metodica prevede l'introduzione attraverso l'ano di una cannula a due vie che,da un lato, consente l'infusione di acqua depurata dall'ampolla rettale al cieco favorendo la frammentazione e lo “scollamento” dei materiali fecali, mentre dall'altro lato l'acqua infusa viene aspirata portando con sé residui e prodotti di scarto intestinali .Questa utile metodica si rivela ancora più efficace se alla fine si assumono probiotici che ripopolano la flora intestinale facilitando così la regolarità dell'intestino. Luciano Bassani

Comments


bottom of page